Mag 21

Cos’è il San Pedro?
Tutto sul Cactus Sacro

Tempo di lettura: 7 minuti

In questo articolo scoprirai davvero tutto sul San Pedro:

  • check
    Cos'è il San Pedro e qual è la sua storia
  • check
    Le proprietà e l'utilizzo di questo cactus sacro 
  • check
    Quali sono gli effetti di questa pianta maestra
  • check
    Come si prepara la bevanda e il suo principio chimico
  • check
    Come si svolge la cerimonia del San Pedro

Introduzione: Storia

L'Echinopsis Pachanoi, altrimenti noto come cactus di San Pedro, è un cactus originario delle Ande di Perù, Bolivia ed Ecuador. Cresce ad un'altitudine di circa 2000-3000 metri ed è ampiamente utilizzato come pianta ornamentale. In questi paesi, tuttavia, è noto soprattutto per le sue proprietà allucinogene e curative. Soprattutto la civiltà Moche ne ha fatto uso utilizzando il cactus per scopi di guarigione e divinazione.

In Sudamerica, l'Echinopsis Pachanoi è conosciuta con molti nomi diversi: Achuma, Huachuma, Wachuma, Aguacolla, Hahuacollay o Giganton descrivono ciò che è più comunemente conosciuto come "Cactus San Pedro" nelle civiltà occidentali.

Si dice che le tradizioni che prevedono l'uso del cactus San Pedro in Perù risalgano a più di 3000 anni fa. La più antica testimonianza archeologica che suggerisce l'uso del San Pedro è un intaglio in pietra (vedi foto sotto) di uno sciamano huachumero della civiltà Chavín nel vecchio tempio della Coscienza Universale a Chavín de Huantar, nel nord del Perú.
Secondo gli archeologi l'intaglio risale almeno al 1500 a.C., e probabilmente anche oltre. Ci sono anche vecchie texture Chavin che ritraggono il cactus con giaguari e colibrì che lo circondano.

Sciamano Chavin Scultura ShamanicTravels.com

Foto distribuita sotto licenza CC BY-SA 4.0

È difficile stabilire una continuità d'uso tra quello tradizionale e quello attuale del San Pedro nella zona delle Ande. Una cosa che è certa, tuttavia, è il fatto che l'uso della pianta cambiò drasticamente all'arrivo dei conquistatori spagnoli. Provenendo dalla visione tradizionale del mondo cristiano, l'uso del San Pedro è stato trasformato per servire la dottrina della chiesa.
Infatti, il nome "San Pedro" si riferisce al San Pietro del nuovo testamento.

Fu San Pietro, secondo la leggenda, a detenere le chiavi delle porte celesti; un forte riferimento agli stati d'animo di trascendenza che il San Pedro può indurre.
Ancora oggi il cactus è utilizzato dagli indigeni delle Ande e sulle coste del Perù e dell'Ecuador per gli stessi scopi medicinali e terapeutici insiti nella pianta.

Le cerimonie di San Pedro di oggi si svolgono per le stesse ragioni di sempre: curare le malattie spirituali, emotive, mentali o fisiche, prevedere il futuro attraverso le qualità profetiche e divinatorie della pianta, contrastare la stregoneria, per portare al successo le proprie imprese e per risvegliare l'amore e l'entusiasmo per la vita. Può essere proprio per queste ragioni che il Sud America ha visto un forte aumento del turismo per il San Pedro negli ultimi anni e che, noi di Shamanic Travels, abbiamo deciso di sceglierlo come prima meta di pellegrinaggio.

San Pedro come Medicina: Proprietà ed Utilizzo

La Cerimonia di San Pedro è davvero trasformativa e sorprendente. Il San Pedro è una cura molto potente, l’effetto dura il doppio dell'Ayahuasca, ed apre il cuore all'amore e alla pace verso se stessi e il mondo. L'Ayahuasca è spesso rappresentata come la parte femminile delle due piante sacre maestre ed il San Pedro è quella maschile. I nostri sciamani in Perù dicono che l’Ayahuasca ti mostra ciò che devi cambiare, ti dà un'idea delle tue sfide e dei tuoi problemi, ed il San Pedro (Wachuma) ti dà il potere di realizzare quel cambiamento.

Spesso, in un'esperienza di guarigione, la mente è sulla via della saggezza del cuore. Il San Pedro va dritto al cuore e bypassa le difese della mente e le resistenza dell'ego. Ci possono quindi essere sorprendenti trasformazioni per le persone che hanno molta attività mentale che li trattiene dalla loro guarigione, con fantastiche aperture del centro energetico del cuore.

L’Ayahuasca è più un viaggio interiore nell'universo dentro di te, mentre il San Pedro è più un viaggio esteriore che ti mostra come le altre dimensioni si fondono con la realtà fisica, mostrandoti la tua natura multidimensionale. Le tue abilità motorie non sono così colpite con il San Pedro come lo sono con l’Ayahuasca, per questo solitamente si fanno passeggiate in mezzo alla natura durante la cerimonia.

Tra gli effetti più diffusi che questa pianta maestra può far provare c’è la possibilità di fare riaffiorare alla memoria ricordi lontani, che si pensava di aver dimenticato su cui poi si potrà andare a lavorare con l’aiuto dello spirito del San Pedro. Si può inoltre acquistare un'aumentata capacità di vedere e sentire il mondo circostante provando un amore incondizionato verso ogni essere o creatura terrestre e verso qualsiasi forma ed entità inanimata.


Nel corso della storia del suo utilizzo, il San Pedro è stato conosciuto per funzionare come una potente medicina con la capacità di curare "malattie sconosciute". Mentre si può sminuire questa concezione come semplice superstizione di tribù primitive nelle Ande, c'è in realtà la scienza che suggerisce benefici medicinali derivanti dall'assunzione del San Pedro. La ricerca ha dimostrato che il San Pedro è in grado di ridurre l'ipertensione, ridurre il rischio di malattie cardiache, curare le malattie nervose ed alleviare i problemi articolari.

Il Cactus San Pedro è stato anche associato a potenti proprietà antimicrobiche che impediscono la crescita di più di una dozzina di ceppi di batteri resistenti alla penicillina, come lo Staphylococcus.
Il San Pedro contiene alte concentrazioni del composto psicoattivo chiamato mescalina, per cui c'è molta polemica che circonda questa “sostanza”. Bisogna tenere presente però che la mescalina non produce dipendenza fisica.

La Preparazione del Cactus

Cactus San Pedro ShamanicTravels.com

La preparazione del San Pedro per uso curativo richiede molto tempo. Talvolta sono necessarie fino a 24 ore per l'intero processo di preparazione. In primo luogo, la pianta viene tagliata a pezzettini. Poi, i pezzi sono bolliti fino a quando non sono molto morbidi. Una volta che sono abbastanza morbidi, sono schiacciati e filtrati di tutto il loro liquido. Il liquido viene quindi aggiunto all'acqua utilizzata per l'ebollizione della pianta.

La soluzione risultante viene ridotta fino a quando non rimane solo un liquido verde amaro altamente concentrato. Il liquido viene quindi bevuto da chi partecipa alla cerimonia. Oggi, la preparazione del cactus richiede solo quattro o cinque ore, con circa 30cm di San Pedro che viene tritato e trasformato.

Occorre fare attenzione a non ingerire né il rivestimento ceroso del cactus né le sue spine. Lo stesso vale per la sezione centrale del cactus.

La Cerimonia del San Pedro

Prima che la cerimonia del San Pedro possa iniziare devono essere presenti tre diversi elementi per consentire la Guarigione Sciamanica: il potere spirituale dello sciamano, la mescalina che lo rafforza ed un altare, chiamato mesa. La mesa è ricoperta da oggetti carichi di energia spirituale che sono suddivisi in tre zone. L'area a sinistra è associata con la morte, l'area centrale è una zona neutra che è associata con l'equilibrio e l'area a destra è associata con il dono della vita.

Per una cerimonia vera e propria tutte e tre le sezioni devono essere presenti. L'area sinistra è utilizzata per rivelare la malattia, il campo centrale è utilizzato per bilanciare le energie negative e positive, e la destra è utilizzata dallo sciamano per trovare la giusta miscela di erbe curative. Proprio come i canti (gli icaros) che vengono cantati durante le cerimonie di Ayahuasca, gli oggetti della mesa permettono allo sciamano di strutturare l'esperienza dei suoi pazienti in modo tale che la guarigione possa avvenire.

In genere il rito si svolge di notte o di giorno a seconda del tipo di sciamano e consiste in una lunga cerimonia di purificazione preliminare seguita dal rito stesso. Gli atti cerimoniali consistono in preghiere, invocazioni e canti che sono accompagnati dal battito di un sonaglio sciamanico. Attraverso questi atti vengono invocati gli dei delle fedi indigene e cattoliche.

Poi la cerimonia di purificazione si conclude e viene bevuta la medicina. Di solito è lo sciamano, che beve la prima tazza. Poi tocca ai partecipanti della cerimonia. Normalmente la medicina è costituita solo dal puro estratto di San Pedro.

Dopo che la sua visione è stata attivata dalla pianta, il curandero può vedere la causa della malattia del paziente. Come trattamento lo sciamano a volte si ferma per massaggiare o aspirare su parti del corpo dei pazienti. Egli aspira per estrarre la fonte soprannaturale dei disturbi dei pazienti. In alcuni casi gravi si ritiene che le forze che causano la malattia siano abbastanza potenti da attaccare il paziente durante la cerimonia. Questo è pericoloso e richiede un'attenzione immediata da parte dello sciamano. Egli ingaggerà quindi le forze attaccanti in battaglia.

Quando la prima parte della cerimonia è finita, ogni paziente si reca dallo sciamano alla sua mesa. Lo sciamano identifica quindi le erbe che verranno utilizzate per l'augurio di buona fortuna del paziente. Egli identificherà anche le erbe sul lato destro del mesa che andranno a curare i disturbi di quest’ultimo.
Dopo aver identificato le erbe appropriate, lo sciamano lancia alcune conchiglie. Questa forma di divinazione ha lo scopo di confermare se ha fatto le scelte giuste. Alla fine, alcuni sciamani soffiano profumo, acqua, zucchero e cipria su ognuno dei pazienti. Poi c'è una benedizione o preghiera finale. Ad ogni partecipante viene infine presentata la bottiglia di erbe medicinali sacre.


Ti è piaciuto questo articolo? Se si, condividilo sui tuoi social cliccando sui bottoni qui sotto.

Hai qualche commento? Scrivici qui sotto!

>